Il regime IVA del commercio elettronico: importanti novità in vigore dal 1° luglio 2021

Le vendite a distanza verso privati UE sconteranno l’IVA con l’aliquota prevista nel Paese di arrivo dei beni

 
ecommerce

Il 25 giugno 2021 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il Provvedimento n. 168315, attuativo dell'art. 7 del D.L.gs. n. 83/2021, che ha recepito in ambito nazionale le novità IVA in materia di e-commerce di derivazione comunitaria, efficaci dal 1° luglio prossimo.

Fra qualche giorno entrerà in vigore la Direttiva Europea 2017/2455/UE, che modifica il regime IVA attualmente vigente in materia di “vendite a distanza” in UE (tra le quali, le vendite effettuate verso i consumatori finali mediante e-commerce).

Con l’espressione “vendite a distanza” si fa riferimento alle cessioni di beni mobili materiali normalmente effettuate mediante sistemi “a distanza”: la cessione avviene su catalogo, per corrispondenza, via internet, o comunque con consegna nel luogo di destinazione a cura del fornitore.

Fino al prossimo 30 giugno le vendite a distanza verso consumatori finali UE comportano l’applicazione dell’IVA italiana fino al raggiungimento di determinate soglie, distinte per i singoli Paesi (generalmente € 35.000/€ 100.000). Al superamento delle soglie citate, l’IVA deve essere versata al Paese di destinazione dei beni: ciò comporta l’identificazione diretta (o la nomina di un rappresentante fiscale), il versamento dell’imposta e la presentazione delle dichiarazioni IVA estere, etc.

A partire dal 1° luglio, le vendite a distanza verso privati UE sconteranno l’IVA con l’aliquota prevista nel Paese di arrivo dei beni; la regola non si applica se le vendite a distanza di beni nel corso dell’anno non superano la soglia unica, su tutto il territorio UE, di Euro 10.000.

Quindi:

  • fino alla soglia annua di vendite pari ad Euro 10.000 (al netto dell’IVA) si applicherà l’IVA del Paese ove è stabilito il cedente;
  • se nel corso di un anno la citata soglia di Euro 10.000 (al netto dell’IVA) viene superata, si applicherà, a partire da tale data, il criterio impositivo basato sul luogo di destino dei beni.

Con l’entrata in vigore della nuova normativa UE sarà possibile evitare l’apertura di posizioni IVA nei Paesi di destinazione dei beni: gli operatori potranno accedere al cosiddetto sistema “OSS” (One stop shop), registrandosi in un unico Stato membro – per gli operatori italiani, l’Italia - per adempiere gli obblighi connessi all’assolvimento dell’IVA per le cessioni effettuate in ogni altro Stato membro.

L’OSS, infatti, è un sistema tramite il quale il soggetto passivo italiano:

  • trasmette telematicamente, attraverso un Portale elettronico presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate, apposite dichiarazioni Iva trimestrali, riepilogative dell’imposta dovuta nei singoli Paesi UE;
  • effettua i versamenti previsti.

Segnaliamo altresì che dal 1° luglio 2021:

  • sarà abolita l’esenzione IVA per le merci di valore trascurabile (fino a 22 Euro) importate nella Ue: in generale, si applicherà il principio della tassazione nel Paese di destinazione;
  • per semplificare gli adempimenti relativi al pagamento dell’IVA sui beni importati, sarà introdotto un regime speciale per le vendite a distanza di beni importati di valore non superiore a 150 euro (c.d. IOSS, Import One Stop Shop). Ricorrendo all’IOSS, l’importazione di beni di valore modesto, trasportati o spediti dal fornitore o per suo conto a un privato in uno Stato membro, è esente da IVA. L’imposta viene riscossa presso l’acquirente come parte del prezzo e dichiarata e versata tramite lo “sportello unico per le importazioni” (art. 74-sexies1 del DPR 633/72). Possono registrarsi all’IOSS tutti i soggetti passivi IVA (stabiliti o meno nell’Unione, comprese le interfacce elettroniche) che effettuano vendite a distanza di beni importati da un territorio o un Paese terzo di valore non superiore a 150 euro.

Per approfondimenti è possibile consultare le schede informative pubblicate sul sito internet di Agenzia delle Entrate:

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/regime-opzionale-oss/infogen-regime-opzionale-oss-imprese

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/regime-opzionale-ioss/infogen-regime-opzionale-ioss-imprese

Servizi correlati

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Consulenza fiscale

Commercialisti, consulenti e professionisti nella gestione tributaria e fiscale, a disposizione...
Scopri di più

Fatturazione Elettronica - MYeBox

Fatturazione elettronica , uno strumento innovativo per la gestione dei corrispettivi...
Scopri di più

Regimi contabili

Il regime contabile di un’impresa, lavoratore autonomo o professionista, può...
Scopri di più

Redazione di bilancio

I nostri commercialisti accompagnano le aziende, di qualsiasi dimensioni esse siano, in una...
Scopri di più

Credito agevolato e contributi

Assistiamo le imprese ad  accedere alle agevolazioni  al credito e ai bandi previsti...
Scopri di più

Check-up e analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano redditività,...
Scopri di più

Scontrino Elettronico - MYeBox

Memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente i dati relativi ai corrispettivi...
Scopri di più

Bando SI4.0 2024 - Camera di Commercio di Bergamo, Brescia, Milano Monza Brianza Lodi

Il “Bando SI4.0 2024” promuovel’adozione e lo sviluppo di soluzioni,...
Scopri di più

Bando Export 2024

Il Bando Export 2024 è finalizzato a far crescere la competitività...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Giugno 2024

Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Maggio 2024

Scopri di più

Bando Nuova Impresa - Sportello 2024

Regione Lombardia e il Sistema Camerale lombardo attivano lo sportello 2024 del bando...
Scopri di più

Bando Rinnova Veicoli 2024-2025

L’iniziativa è finalizzata a supportare le micro, piccole e medie imprese...
Scopri di più