Dichiarazione dei redditi, IRAP, IVA: quando si considera omessa?

Effetti penali e ravvedimento operoso

 
tasse calcolo fisco

In base alla normativa vigente, la dichiarazione dei redditi deve essere presentata entro il 30 novembre di ogni anno. Se la dichiarazione viene inviata con un ritardo superiore ai 90 giorni, si considera omessa; a tal fine, non ha rilievo che le imposte siano state versate.

Il ravvedimento operoso, per il caso dell’omessa dichiarazione in generale, è possibile solo entro 90 giorni dal termine per la presentazione.

L’omessa dichiarazione rende applicabile l’accertamento induttivo-extracontabile e legittima la no­tifica dell’atto entro il 31 dicembre del quinto/settimo anno successivo a quello in cui la dichiara­zione avrebbe dovuto essere presentata.

Momento di presentazione della dichiarazione

La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è trasmessa all’Agenzia delle Entrate per via telematica.

Effetti penali

L’omessa dichiarazione può avere rilievo penale; infatti “è punito con la reclusione da due a cinque anni chiunque al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, non presenta, es­sendovi obbligato, una delle dichiarazioni relative a dette imposte, quando l’imposta evasa è supe­riore, con riferimento a taluna delle singole imposte ad euro cinquantamila".

Bisogna evidenziare che l’invio della dichiarazione con pagamento integrale delle imposte entro il termine di presentazione di quella per l’anno successivo e comunque prima dell’inizio di un con­trollo fiscale/penale rappresenta una causa di non punibilità del reato.

Di seguito si riepilogano, in forma tabellare, le sanzioni susseguenti all’omessa dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA.

Fattispecie Norma Sanzione Novità
del D.lgs 158/2015
Omessa dichiarazione dei redditi,
IRAP e IVA
Artt. 1 co. 1 e 5 co. 1 del D.lgs 471/97 Dal 120% al 240% delle imposte dovute (minimo 250,00 euro) Il minimo è ora
fissato in euro
Omessa dichiarazione dei redditi e IRAP (se non sono dovute imposte) Art. 1 co. 1 del D.lgs 471/97 Da 250,00 euro a 1.000,00 euro I limiti sono ora fissati in euro
Omessa dichiarazione IVA
(se non sono dovute imposte)
Art. 5 co. 3 del D.lgs 471/97 Da 250,00 euro a 2.000,00 euro I limiti sono ora fissati in euro
Redditi presunti dalla violazione delle norme in materia di quadro RW se lo Stato estero è un “paradiso fiscale” Art. 12 del
DL 78/2009
Dal 240% al 480% dell’imposta dovuta (minimo 500,00 euro)  
Omessa indicazione dei canoni
di locazione
Art. 1 co. 7 del D.lgs 471/97 Dal 240% al 480% dell’imposta dovuta (minimo 500,00 euro) La sanzione è prevista solo se il locatore ha optato per la “cedolare secca”

 

Ravvedimento operoso

L’art. 13 co. 1 lett. c) del DLgs. 472/97 ammette il ravvedimento operoso, a condizione che av­venga entro 90 giorni dal termine ultimo per l’invio della dichiarazione e che sia versata la sanzione per la dichiarazione omessa ridotta a 1/10 del minimo.

Oltre a ciò, bisogna anche regolarizzare gli eventuali omessi versamenti delle imposte dovute a saldo della dichiarazione nonché, eventualmente, della prima e della seconda rata di acconto già scaduta delle imposte per l’anno successivo a quello di riferimento della dichiarazione. L’obbligo di versamento degli acconti, alla luce del principio che emerge dall’art. 1 co. 1 ultimo periodo della L. 97/77, sussiste anche in ipotesi di omessa dichiarazione.

Ad avviso della Cassazione, la presentazione, entro i 90 giorni dal termine di scadenza, della sola dichiarazione, non accompagnata dal pagamento dell’imposta, degli interessi legali e delle san­zioni sui tardivi versamenti ridotte non consente di beneficiare del ravvedimento operoso.

Servizi correlati

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Consulenza fiscale

Commercialisti, consulenti e professionisti nella gestione tributaria e fiscale, a disposizione...
Scopri di più

Fatturazione Elettronica - MYeBox

Fatturazione elettronica , uno strumento innovativo per la gestione dei corrispettivi...
Scopri di più

Regimi contabili

Il regime contabile di un’impresa, lavoratore autonomo o professionista, può...
Scopri di più

Redazione di bilancio

I nostri commercialisti accompagnano le aziende, di qualsiasi dimensioni esse siano, in una...
Scopri di più

Check-up e analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano redditività,...
Scopri di più

Scontrino Elettronico - MYeBox

Memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente i dati relativi ai corrispettivi...
Scopri di più

Bando SI4.0 2024 - Camera di Commercio di Bergamo, Brescia, Milano Monza Brianza Lodi

Il “Bando SI4.0 2024” promuovel’adozione e lo sviluppo di soluzioni,...
Scopri di più

Bando Export 2024

Il Bando Export 2024 è finalizzato a far crescere la competitività...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Giugno 2024

Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Maggio 2024

Scopri di più

Bando Nuova Impresa - Sportello 2024

Regione Lombardia e il Sistema Camerale lombardo attivano lo sportello 2024 del bando...
Scopri di più

Bando Rinnova Veicoli 2024-2025

L’iniziativa è finalizzata a supportare le micro, piccole e medie imprese...
Scopri di più

Bando Internazionalizzazione 2024 - Camera di Commercio di Pavia

Con il Bando Internazionalizzazione 2024, la Camera di Commercio di Pavia intende...
Scopri di più