Cambio di CCNL: la modifica rientra nella libera negoziazione delle parti

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 31148 del 21 ottobre 2022, si è pronunciata sulla legittimità della variazione del CCNL

 
Cassazione

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) applicato è la manifestazione dell’autonomia privata e produce i suoi effetti nei confronti delle parti collettive che hanno stipulato il contratto, dei soggetti iscritti alle suddette associazioni sindacali dei lavoratori e datori di lavoro e di coloro che, seppure non iscritti alle organizzazioni stipulanti, hanno aderito al contratto collettivo implicitamente o esplicitamente.

La scelta del CCNL

Nel nostro ordinamento vige il principio della libertà di scelta del CCNL da parte del datore di lavoro. Nel caso di un modificato interesse rispetto ad un assetto contrattuale ritenuto non più soddisfacente, il datore di lavoro può prendere in considerazione l’ipotesi di recedere dall’adesione alla normativa collettiva, ad esempio, nelle seguenti ipotesi:

  • crescita dimensionale o modifica dell’attività aziendale primaria;
  • trasferimento d’azienda;
  • procedure concorsuali o crisi d’impresa;
  • successione d’appalto;
  • volontà unilaterale del datore di lavoro.
Recenti orientamenti giurisprudenziali

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 31148 del 21 ottobre 2022, si è pronunciata sulla legittimità della variazione del CCNL sostenendo che il lavoratore non può far valere il principio di irriducibilità della retribuzione pretendendo il trattamento retributivo previsto in relazione al CCNL originariamente applicato.

Nel caso in trattazione, una dipendente di una nota emittente radio nazionale, assunta con le mansioni di "radio reporter" con applicazione, inizialmente, del contratto collettivo nazionale di lavoro giornalistico e, in seguito, del contratto collettivo nazionale Radiotelevisioni private, deducendo l'inefficacia o comunque l’illiceità del mutamento del contratto collettivo applicabile al rapporto di lavoro, agiva per la condanna del datore al pagamento delle differenze retributive spettanti sulla base del contratto collettivo nazionale giornalisti originariamente applicato.

La Corte d'Appello, in riforma della sentenza di primo grado, respingeva la domanda della giornalista pubblicista condannandola alla restituzione della somma, calcolata al lordo, oltre accessori, corrisposta dalla società datrice di lavoro in esecuzione della sentenza di primo grado.

La Corte Suprema rilevava preliminarmente che la modifica negoziale della fonte collettiva applicabile al rapporto risultava essere espressione della libera esplicazione dell’autonomia privata riconosciuta dall’ art. 1322 c.c.

Secondo gli ermellini, inoltre, non sussisteva alcuna violazione dell’art. 2077 c.c. atteso che il contratto collettivo costituisce una fonte eteronoma di integrazione del contratto individuale. Ugualmente era da escludersi la violazione degli artt. 2103 e 2113 c.c., prospettata con riferimento alla modifica peggiorativa del trattamento economico conseguente alla mutazione di CCNL, poiché, nell’ipotesi di successione dei contratti, sono possibili anche modificazioni “in peius” per i lavoratori, con il solo limite dei diritti quesiti dovendosi escludere che il lavoratore possa pretendere di ritenere acquisito un diritto derivante da una norma collettiva non più esistente.

Su tali presupposti la Corte rigettava il ricorso, ritenuto che la lavoratrice non avrebbe potuto far valere il principio della irriducibilità della retribuzione pretendendo il trattamento retributivo previsto dai CCNL intervenuti nel tempo. Tutt’al più la stessa lavoratrice avrebbe potuto richiedere la cristallizzazione della retribuzione percepita all’atto della modifica contrattuale e rivendicare differenze retributive a titolo di superminimo.

Sono tuttavia fatti salvi i diritti già acquisiti, quali le retribuzioni per prestazioni di lavoro svolte durante la vigenza del primo contratto collettivo. Infine, la Suprema Corte affermava che la modifica del contratto individuale, consistente nella sostituzione del CCNL di riferimento, non costituisce rinunzia a diritti acquisiti dal lavoratore. Dunque, in caso di successione tra CCNL, non è necessario che il contratto individuale venga modificato in una delle sedi protette ex art. 2113 c.c.

Servizi correlati

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere 2022-2023

Regione Lombardia ha approvato la seconda edizione del  bando “Formare per...
Scopri di più

Formazione per l'apprendistato professionalizzante

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Bando Up2Circ Horizon Europe per la transizione verso l'economia circolare

Up2Circ è un progetto internazionale, finanziato dal programma Horizon Europe della...
Scopri di più

Bando Ri.Circo.Lo. - Sostegno allo sviluppo dell'economia circolare delle Pmi lombarde della plastica e del tessile

La misura promuove le azioni di economia circolare per conseguire la riduzione e una...
Scopri di più