Mancata consegna della raccomandata al lavoratore: il licenziamento è efficace?

Il licenziamento è efficace se la mancata consegna è ascrivibile a colpa del destinatario: l'ordinanza del Tribunale di Roma

 
lettera raccomandata postino

Il licenziamento è efficace quando la mancata consegna della lettera di licenziamento è ascrivibile alla colpa del lavoratore destinatario della stessa: lo ha stabilito il Tribunale di Roma, Sezione lavoro, con ordinanza del 13 aprile 2023

I fatti di causa

Il datore di lavoro intimava ad un dipendente il licenziamento per giusta causa per assenza ingiustificata dal luogo di lavoro. La lettera di licenziamento veniva inviata a mezzo raccomandata all’indirizzo di residenza comunicato dal lavoratore al datore di lavoro.

Tale indirizzo risultava pertanto essere coincidente anche con quello ove era stata inviata la lettera di contestazione disciplinare per mezzo della quale la società aveva contestato i fatti che avevano poi condotto al licenziamento, lettera regolarmente ricevuta dal lavoratore.

La raccomandata contenente la lettera di licenziamento veniva tuttavia restituita al mittente con la dicitura “destinatario sconosciuto”. Ad una prima raccomandata ne faceva seguito una seconda, ed infine un telegramma, che tuttavia non avevano esito differente.

La decisione del Tribunale di Roma

Il Tribunale di Roma ha ritenuto il licenziamento produttivo di effetti poiché, seppur non formalmente giunto a conoscenza del suo destinatario, l’eventuale mancata conoscenza dell’atto in questione era imputabile esclusivamente alla responsabilità del dipendente.

Il Tribunale di Roma ha infatti evidenziato che “l’indirizzo presso cui la datrice di lavoro ha inviato due raccomandate ed un telegramma contenenti il provvedimento di licenziamento, è proprio quello comunicato dal lavoratore al datore di lavoro, e presso il quale è regolarmente pervenuta la lettera di contestazione disciplinare che ha preceduto il licenziamento”.

In punto di diritto, tale conclusione muove dal principio per cui le dichiarazioni recettizie del datore di lavoro, come la comunicazione del licenziamento e della contestazione disciplinare, producono il loro effetto dal momento in cui giungono a conoscenza del destinatario ex art. 1334 c.c. e si presumono da questi conosciute, ai sensi dell’art. 1335 c.c., nel momento in cui vengono recapitate al suo indirizzo.

L’art. 1335 c.c. stabilisce, infatti, una presunzione di conoscenza -o meglio, di conoscibilità- dell’atto, mediante la quale dal fatto noto, costituito dall’arrivo della comunicazione all’indirizzo del destinatario, la legge risalirebbe al fatto ignorato, costituito dalla presa di conoscenza, da parte del destinatario, del contenuto dell’atto. Il destinatario della dichiarazione, dal canto suo, può superare tale presunzione, dimostrando di essere stato, senza sua colpa, nell’impossibilità di avere notizia del contenuto della comunicazione.

Più nello specifico, secondo la giurisprudenza di legittimità, per superare tale presunzione, è necessario che il destinatario dimostri un fatto o una situazione che spezzi od interrompa in modo duraturo il collegamento tra il destinatario stesso ed il luogo di destinazione della comunicazione e che tale situazione sia incolpevole, vale a dire non superabile con l’uso dell’ordinaria diligenza.

Di contro, osserva il Tribunale, il licenziamento deve presumersi conosciuto dal destinatario se il “ripetuto mancato rinvenimento “in loco” dell’abitazione del resistente, da parte dell’incaricato del servizio postale alla consegna della lettera di licenziamento, sia ascrivibile a colpa del ricorrente che, o non ha comunicato al datore di lavoro il proprio recente cambio di indirizzo, oppure non ha posto l’incaricato postale in grado di rinvenire il proprio nominativo presso lo stabile” in cui ha dichiarato di risiedere.

Servizi correlati

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere 2022-2023

Regione Lombardia ha approvato la seconda edizione del  bando “Formare per...
Scopri di più

Formazione per l'apprendistato professionalizzante

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Bando Up2Circ Horizon Europe per la transizione verso l'economia circolare

Up2Circ è un progetto internazionale, finanziato dal programma Horizon Europe della...
Scopri di più

Bando Ri.Circo.Lo. - Sostegno allo sviluppo dell'economia circolare delle Pmi lombarde della plastica e del tessile

La misura promuove le azioni di economia circolare per conseguire la riduzione e una...
Scopri di più