Manufatti intelligenti in impianti smart: il futuro delle Pmi 4.0 è già scritto, ed è sostenibile

A confronto con uno dei padri di Industria 4.0, Marco Taisch, presidente del MADE

 
innovazione digitalizzazione (1)

Avanti lungo la strada tracciata da Industria 4.0, che oggi si inserisce sempre più, e ne diviene parte in maniera ancor più inscindibile, in un percorso verso la sostenibilità che pare inarrestabile.

Parlare di Industria 4.0 non rappresenta più una novità: tante aziende si sono attrezzate e continuano a farlo anche alla luce dei fondi disponibili. Qual è il prossimo passo? A fornire una lettura chiara è Marco Taisch, presidente del MADE, il Competence Center Industria 4.0 del Politecnico di Milano: «La direzione è una sola. Le imprese devono continuare a investire in digitalizzazione, per rendere i loro processi e i loro prodotti sempre più smart. Si tratta quindi di proseguire con la realizzazione di manufatti intelligenti all’interno di impianti a loro volta intelligenti. Oggi il dato è un elemento fondamentale». Se crei un prodotto intelligente, in sostanza, puoi interagire con esso mentre viene utilizzato dal consumatore, e se disponi di macchine connesse puoi meglio comprendere cosa stia accadendo.

La direzione è tracciata

«Se ci chiediamo quindi dove deve andare oggi Industria 4.0, io rispondo in maniera chiara: nella stessa direzione. Però - avvisa Taisch - dobbiamo diventare più ambiziosi di prima: se in precedenza abbiamo detto che Industria 4.0 vuol dire rendere più efficienti processi e fabbriche e di conseguenza consente un aumento della produttività, cosa che era vera e che continua a esserlo, ora possiamo aggiungere che grazie al digitale è possibile creare delle fabbriche che saranno più sostenibili». Il che vuol dire:

  • meno consumi di energia;
  • impatti ambientali inferiori;
  • riuscire a intercettare le nuove esigenze del consumatore di oggi.
Cresce la richiesta green

È su quest’ultimo punto che Taisch si sofferma con attenzione: «Il consumatore richiede sempre di più prodotti che vadano verso la sostenibilità, un’esigenza che c’era anche prima ma che era più latente, legata a poche persone. La massa pensava ad altro». Una tendenza che si è invertita: «Parliamo di un cambio di prospettiva legato anche a una questione culturale, ci sono cittadini maturi che stanno mutando i propri comportamenti perché hanno capito che devono farlo. E accanto a loro stanno arrivando i giovani, che sono nativi sostenibili oltre che nativi digitali. I ragazzi non si pongono dubbi su quale sia il percorso da intraprendere: per loro green e sostenibilità rappresentano la via maestra». E considerato – prosegue l’esperto - «che per una semplice questione anagrafica questa fetta di popolazione continuerà a crescere, le aziende devono pensare che non potranno più fare a meno di mettere sul mercato prodotti sostenibili».

L’impatto sul business del digitale

Per seguire la strada verso la sostenibilità è quindi necessario avere prodotti smart che possano raccogliere dati e informare circa il loro impatto ambientale: «Servono prodotti di classe A realizzati in aziende di classe A. Ed ecco che il digitale allarga il suo impatto sul business: da semplice elemento fautore di un aumento di produttività, diviene elemento che abilità la sostenibilità».

I fondi a sostegno della transizione ecologica 

È notizia recente la possibilità, da parte di startup e Pmi, di accedere a due fondi di venture capital di 550 milioni di euro: il “Green transition fund” e il “Digital transition fund”. Un budget, quello messo a disposizione dal Mimit (Ministero delle imprese e del made in Italy) che finanzia quindi i processi di innovazione e transizione digitale attraverso l’attivazione di capitali di rischio e impegnando risorse europee che rientrano nel Pnrr. «Il Governo – analizza Taisch – è stato evidentemente ben consigliato e sta procedendo lungo una direzione chiara, così come tutta la Commissione Europea. Come Italia stiamo facendo la nostra parte, è un effetto trascinamento che credo inarrestabile». I fondi qui menzionati, in chiusura, possono essere così riassunti:

  • i progetti relativi alla transizione verde prevedono l’uso di energia rinnovabile, efficienza energetica, economia circolare e mobilità sostenibile;
  • i progetti legati alla transizione digitale hanno a che vedere con comparti come l’Industria 4.0, la cybersicurezza, la blockchain e l’intelligenza artificiale;
  • i fondi saranno gestiti da Cdp Venture capital Sgr, in attuazione del decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta ufficiale nel maggio del 2022;
  • gli interventi ammissibili dovranno rispettare una serie di requisiti, tra cui un periodo di investimento che non sia superiore a cinque anni, seguiti da un altro lustro di gestione del portafoglio.

Servizi correlati

Bando Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale

Una delle prime misure del PNRR dedicate alle imprese, rappresenta un'importate...
Scopri di più

Bandi, contributi, agevolazioni e servizi finanziari per la tua impresa

Ti aiutiamo a sviluppare il tuo progetto  individuando bandi,...
Scopri di più

InnovaUp - Percorsi di Innovazione digitale e green

Competitività, leadership tecnologica, incremento della competitività e sviluppo...
Scopri di più

Faberlab powered by Arburg

Faberlab è un laboratorio di prototipazione rapida, stampa 3D, divulgazione e...
Scopri di più

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Certificazioni di Qualità ISO

ISO 14001, 45001, 9001. Sosteniamo le imprese nella certificazione per aggiungere valore...
Scopri di più

Check-up e analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano redditività,...
Scopri di più

Fondo 394/81 - Finanziamenti agevolati per la Transizione digitale o ecologica

La linea di intervento " Transizione digitale o ecologica"  sostiene la...
Scopri di più

Bando Investimenti Innovativi 2022 - Camera di Commercio di Pavia

La Camera di Commercio di Pavia sostiene gli investimenti innovativi - innovazione tecnologica,...
Scopri di più

Fatturazione Elettronica - MYeBox

Fatturazione elettronica , uno strumento innovativo per la gestione dei corrispettivi...
Scopri di più

Leasing

Puoi acquistare macchinari, attrezzature, impianti, rendendo più moderno il tuo processo...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Consulenza fiscale

Commercialisti, consulenti e professionisti nella gestione tributaria e fiscale, a disposizione...
Scopri di più

Certificazioni ISO 50001

Grazie alla norma ISO 50001:2018 le imprese hanno la possibilità di realizzare e...
Scopri di più