Ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Terziario, Distribuzione e Servizi

Incrementi retributivi, una tantum, Fondo EST, Cassa Qu.A.S.

 
firma divieto lavoro hr contratto

In data 22 marzo 2024 è stato stipulato l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi, c.d. CCNL Commercio, scaduto il 31 dicembre 2019

 

Il contratto collettivo sottoscritto ha validità quadriennale, ovvero sino al 31 marzo 2027.

 

Si riporta di seguito una sintesi delle principali novità introdotte.

 

Incrementi retributivi

 

Le Parti hanno convenuto un aumento retributivo a regime, da corrispondere in 6 tranches, così suddivisi:

 

 

 

LIVELLO

UT 1/4/2023(*)

UT 1/4/2024

UT 1/3/2025

UT 1/11/2025

UT 1/11/2026

UT 1/2/2027

TOTALE

QUADRI

€ 52,08

€ 121,53

€ 52,08

€ 60,76

€ 60,76

€ 69,44

€ 416,65

I

€ 46,92

€ 109,47

€ 46,92

€ 54,74

€ 54,74

€ 62,56

€ 375,35

II

€ 40,58

€ 94,69

€ 40,58

€ 47,35

€ 47,35

€ 54,11

€ 324,66

III

€ 34,69

€ 80,94

€ 34,69

€ 40,47

€ 40,47

€ 46,25

€ 277,51

IV

€ 30,00

€ 70,00

€ 30,00

€ 35,00

€ 35,00

€ 40,00

€ 240,00

V

€ 27,10

€ 63,24

€ 27,10

€ 31,62

€ 31,62

€ 36,14

€ 216,82

VI

€ 24,33

€ 56,78

€ 24,33

€ 28,39

€ 28,39

€ 32,4

€ 194,66

VII

€ 20,83

€ 48,61

€ 20,83

€ 24,31

€ 24,31

€ 27,78

€ 166,67

OPERATORI DI VENDITA

I cat.

€ 28,32

€ 66,08

€ 28,32

€ 33,04

€ 33,04

€ 37,76

€ 226,56

II cat.

€ 23,78

€ 55,48

€ 23,78

€ 27,74

€ 27,74

€ 31,70

€ 190,22

 

(*) Si tratta dell’acconto su futuri aumenti contrattuali – c.d. AFAC - già riconosciuto con il Protocollo straordinario del 12 dicembre 2022 ed erogato a partire dal 1° aprile 2023, che si intende assorbito nella “paga base”.

 

Riconoscimento importo “una tantum”

 

Viene riconosciuto un ulteriore importo a titolo “una tantum”, esclusivamente ai lavoratori in forza alla data del 22 marzo 2024, riproporzionato sulla base dell’effettivo servizio prestato nel periodo dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2023.

 

Di seguito riportiamo il dettaglio degli importi tabellari per ogni livello di inquadramento da corrispondere:

 

LIVELLO

UT 1/7/2024

UT 1/7/2025

QUADRI

€ 303,81

€ 303,81

I

€ 273,67

€ 273,67

II

€ 236,73

€ 236,73

III

€ 202,34

€ 202,34

IV

€ 175,00

€ 175,00

V

€ 158,11

€ 158,11

VI

€ 141,95

€ 141,95

VII

€ 121,53

€ 121,53

OPERATORI DI VENDITA

I cat.

€ 165,20

€ 165,20

II cat.

€ 138,69

€ 138,69

 

Si segnala inoltro che:

  • l’importo è proporzionalmente ridotto in caso di assenze o aspettative non retribuite, part time, sospensioni e/o riduzioni dell’orario di lavoro concordate con accordo sindacale, instaurazioni e cessazioni di rapporti di lavoro durante il suddetto periodo;
  • ai fini della maturazione della quota di “una tantum”, si considera come mese intero la frazione superiore o uguale a 15 giorni;
  • l’importo non è utile ai fini del computo di alcun istituto contrattuale, ivi incluso il TFR;
  • ai fini del calcolo pro quota si dovrà tener conto delle modifiche intercorse nel rapporto individuale di lavoro durante il periodo 1° gennaio 2022 – 31 marzo 2023 (ad esempio: variazione del livello di inquadramento, la trasformazione da part time a full time o viceversa, ecc.)

 

Agli apprendisti in forza alla data del 22 marzo 2024, gli importi “una tantum” di cui sopra saranno erogati in misura proporzionale in base al trattamento economico di cui al CCNL 30 luglio 2019, con le medesime scadenze sopra stabilite.

 

Gli importi di cui sopra spettano anche ai lavoratori cessati prima delle decorrenze ordinarie di erogazione, qualora alla data del 22 marzo 2024 fossero in forza. In tal caso, l’“una tantum” dovrà essere erogata con le competenze di fine rapporto (in unica soluzione se la cessazione del rapporto avviene prima di luglio 2024).

 

Infine, circa i criteri di assorbibilità dell’“una tantum”, Confcommercio precisa ulteriormente che gli importi già corrisposti dai datori di lavoro a titolo di futuri aumenti contrattuali e/o miglioramenti contrattuali (anche superminimi erogati allo stesso titolo), ed erogati dal 1° gennaio 2022, vanno considerati a tutti gli effetti anticipazioni degli importi di “una tantum”.

 

Fondo “EST”

 

A decorrere dal 1° aprile 2025, il contributo obbligatorio a favore del Fondo EST è incrementato di 3,00 euro mensili, a carico del datore di lavoro. Conseguentemente, dal 1° aprile 2025 il contributo ordinario dovuto al Fondo EST sarà pari a 15,00 euro mensili complessivi (13,00 euro a carico datore di lavoro e 2,00 euro a carico lavoratore).

 

Cassa “Qu.A.S.”

 

A decorrere dal 1° gennaio 2025, è previsto l’aumento della contribuzione obbligatoria dovuta dal datore di lavoro pari a 20,00 euro a favore della cassa di assistenza sanitaria Qu.A.S. per i lavoratori appartenenti alla categoria dei Quadri. Inoltre, un ulteriore aumento pari a 20,00 euro è previsto a decorrere dal 1° gennaio 2026.

Di conseguenza, gli importi della contribuzione dovuta alla Cassa QUAS sarà così ridefinita:

 

 

Datore di lavoro

A carico Lavoratore- Quadro

Totale annuo

fino al 31 dicembre 2024

€ 350,00

€ 56,00

€ 406,00

Dal 1° gennaio 2025

€ 370,00

€ 56,00

€ 426,00

Dal 1° gennaio 2026

€ 390,00

€56,00

€ 446,00

 

 
Ulteriori novità rilevanti

 

In aggiunta a quanto precede, l’accordo di rinnovo ha:

  • disciplinato i congedi per le donne vittime di violenza di genere;
  • introdotto “nuove causali per i rapporti di lavoro a tempo determinato”, recependo le modifiche introdotte dal c.d. Decreto Lavoro al testo originale previsto dall’articolo 19 e seguenti del D.lgs. 81/2015;
  • eliminato i riferimenti alle clausole flessibili, mantenendo solamente il riferimento alle “clausole elastiche” per i rapporti di lavoro a tempo parziale. Ai fini dell’apposizione della clausola elastica nel contratto individuale di lavoro a tempo parziale, in alternativa alla maggiorazione pari a 1,5% sulla quota di retribuzione, a decorrere dal 1° gennaio 2025 l‘indennità connessa all’apposizione di tali clausole è aumentata da 120 euro a 155 euro/annui non cumulabili, da corrispondere in quote mensili.
  • ridotto il preavviso a n. 5 giorni per la richiesta del congedo parentale che ciascun genitore è tenuto a fornire al datore di lavoro (in precedenza, 15 giorni);
  • rivisto la classificazione del personale, con precisazioni riguardo alle mansioni, declaratorie e relativi inquadramenti in funzione della tipologia di attività svolta dall’azienda o dal lavoratore. Tale riclassificazione trova applicazione per tutti i lavoratori assunti a far data dal 22 marzo 2024.

 


Tags:

Servizi correlati

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Formazione obbligatoria dipendenti CCNL Metalmeccanica Industria

Il CCNL Metalmeccanica Industria prevede che, per supportare lo sviluppo delle competenze...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere 2022-2023

Regione Lombardia ha approvato la seconda edizione del  bando “Formare per...
Scopri di più

Formazione per l'apprendistato professionalizzante

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Medicina del Lavoro

La medicina del lavoro per un’azienda è uno strumento determinante, che va...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Paghe Online - MYeBox

La soluzione smart per l’amministrazione del personale. I cedolini paghe dei tuoi...
Scopri di più

Cassa Edile e Gestione Payroll in Edilizia

Con il nostro servizio puoi utilizzare tutti i vantaggi dell’iscrizione alla Cassa...
Scopri di più