Premio di risultato: i permessi 104 devono essere equiparati ai congedi di maternità

In entrambi i casi i lavoratori usufruiscono di permessi retribuiti per esigenze parimenti tutelate dalla legge

 
assistenza anziano disabile

Le assenze effettuate ai sensi della Legge 104/1992 devono essere computate ai fini del calcolo del Premio di Risultato in modo analogo ai congedi di maternità. A dichiaralo è il Tribunale di Catania, con la sentenza del 29 maggio 2023.

Il caso trae origine dal ricorso presentato da una lavoratrice affinché venisse accertato il suo diritto, nel quadriennio 2017/2020, al Premio di Risultato (“PdR”) per essere state le sue assenze fruite per permessi ex Legge 104/1992 erroneamente equiparate ad assenze dal lavoro.

La lavoratrice, a sostegno della sua tesi, evidenziava di essere stata assunta a tempo indeterminato, con mansioni di centralinista e di essere portatrice di handicap in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3 della Legge 104/1992, per la quale aveva il diritto di fruire di 3 giorni di permesso retribuito.

La lavoratrice, altresì, lamentava che:

  • con accordo sindacale erano state determinate le modalità di attribuzione del PdR, riconosciuto interamente o con decurtazione in relazione al numero di giornate di assenza di ciascun lavoratore;
  • i tre giorni mensili di permesso ex L. 104/1992 erano stati erroneamente considerati come assenze dal lavoro, determinando la sua esclusione dalla percezione del Premio di Risultato. Ciò in quanto, l’unica ipotesi eccezionale prevista dall’accordo sindacale in relazione al computo delle assenze riguardava il congedo di maternità.
La decisione del Tribunale

Il Tribunale, nel formulare la sua decisione, parte proprio dalle previsioni dell’accordo sindacale secondo le quali “sono considerate presenza in servizio esclusivamente: ferie, riposi (domenicale, compenso riposo, riposo differito e festivo) e permessi sindacali retribuiti [...]”. Inoltre, “se il limite di 22 giornate viene superato esclusivamente a causa del “congedo di maternità” di cui al D.Lgs n.151/2001 o per un unico evento di malattia o infortunio sul lavoro con durata temporale superiore a 22 gg. e fino ad un massimo di 180 gg. consecutivi, verrà all’agente comunque assicurato un P.d.R. pari a quello previsto fino al 22° giorno di assenza”, ossia nella percentuale del 60%.

Pertanto, ad avviso del Tribunale, occorre verificare se dette previsioni possano considerarsi discriminatorie nella misura in cui non includono i permessi ex Legge 104/1992 fra le ipotesi eccezionali di assenza, implicando una loro qualificazione come assenze ordinarie.

Sul punto, il Tribunale condivide la posizione della Corte d’Appello di Torino che nella sentenza 212/2022, richiamando la Carta di Nizza, la direttiva comunitaria n. 2000/78, il D.Lgs. 216/2003 e un orientamento costante della Corte di Giustizia Europea, ha ritenuto illegittima la decurtazione di premi aziendali per i giorni di assenza ai lavoratori che fruivano dei permessi di cui alla legge 104/92.

Il Tribunale richiama anche un proprio precedente secondo cui esiste una correlazione tra i permessi retribuiti ex art. 33 L. 104/92 e la percezione di compensi incentivanti o premiali, con la conseguenza che il lavoratore, se beneficia dei tre giorni di permesso mensile per l'assistenza di un familiare affetto da handicap o in stato di grave infermità, ha il diritto di ottenere sia la normale retribuzione che i compensi di produttività (cfr. sentenza n. 20684/2016).

Oltretutto, evidenzia il Tribunale, la ratio del premio di risultato è quella di migliorare i risultati aziendali con il concorso del fattore lavoro ed è compito della contrattazione collettiva disciplinare i criteri per la sua erogazione. E, nel caso di specie detti criteri non sono correlati ad una specifica valutazione di produttività del lavoratore quanto piuttosto alla mera presenza al lavoro con la conseguenza che all’incrementare delle assenze decresce il PdR.

Si tratta, dunque, di criteri discriminatori nella misura in cui l’accordo sindacale ammette che chi usufruisce del congedo di maternità al superamento dei 22 giorni di assenza possa beneficiarne, anche se al 60%, e priva, invece, integralmente chi usufruisce dei giorni di permesso ex L. 104/1992. In entrambi i casi i lavoratori usufruiscono di permessi retribuiti per esigenze parimenti tutelate dalla legge e rispetto alle quali non si ravvisano significative ragioni di differenziazione di trattamento.

In conclusione, il Tribunale decide per l’accoglimento del ricorso presentato dalla lavoratrice, con conseguente ricalcolo del PdR per il periodo interessato.

Servizi correlati

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere 2022-2023

Regione Lombardia ha approvato la seconda edizione del  bando “Formare per...
Scopri di più

Formazione per l'apprendistato professionalizzante

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Medicina del Lavoro

La medicina del lavoro per un’azienda è uno strumento determinante, che va...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Paghe Online - MYeBox

La soluzione smart per l’amministrazione del personale. I cedolini paghe dei tuoi...
Scopri di più

Formazione obbligatoria dipendenti CCNL Metalmeccanica Industria

Il CCNL Metalmeccanica Industria prevede che, per supportare lo sviluppo delle competenze...
Scopri di più