DL Lavoro: le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Gli interventi sono a rafforzamento delle regole di sicurezza, tutela contro gli infortuni, formazione

 
sicurezza azienda

Il Decreto Lavoro (DL 48/2023) contiene, al Capo II, una serie di interventi in materia di rafforzamento delle regole di sicurezza sul lavoro e di tutela contro gli infortuni, nonché di aggiornamento del sistema dei controlli ispettivi. 

I principali interventi riguardano l’ampliamento dell’obbligo di nomina del medico competente, le modifiche relative alla formazione dei lavoratori, in particolare del datore di lavoro, l’ampliamento dei soggetti abilitati alle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro, e i relativi obblighi dei noleggiatori (art. 14).

Il Decreto Lavoro interviene anche sulla condivisione dei dati per il rafforzamento della programmazione dell’attività ispettiva in particolari territori (art. 15 e 16) oltre ad istituire un fondo per il risarcimento degli infortuni durante i percorsi di alternanza scuola-lavoro ed estendere la tutela assicurativa agli studenti e al personale degli IeFP , IFTS e ITS Academy e dei CPIA. 

Nomina del medico competente - Attraverso l’integrazione all’art. 18 D.Lgs. n. 81/08, viene ampliato l’obbligo di nomina del medico competente per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria. L’obbligo non è più limitato ai soli casi previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in cui vengono ravvisati rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori o di terzi, ma viene esteso a tutti i casi nei quali la valutazione rischi, svolta ai sensi dell’art. 29 del D.Lgs. n. 81/2008, lo richieda. [art. 14, lett. a) del D.Lgs. n. 48/2023]. È quindi il datore di lavoro, o il dirigente preposto, che si assumono la responsabilità di determinare, attraverso la valutazione della propria organizzazione lavorativa, se sia necessaria la nomina del medico competente per l’attuazione della sorveglianza sanitaria tenuto conto dei rischi presenti in azienda. 

Visite di assunzione: portabilità della cartella sanitaria del lavoratore - Modifiche sono apportate anche alla disciplina degli obblighi del medico competente. 

In occasione delle visite mediche preventive ai fini della formulazione del giudizio di idoneità del lavoratore, il medico ha l’obbligo di richiedere al lavoratore la cartella sanitaria rilasciata dal precedente datore di lavoro. [art.14, comma 1, lett. c), punto 1 del D.Lgs. n. 48/2023].

Impedimenti gravi per il medico competente - Un ulteriore previsione stabilisce che, in caso di impedimenti per gravi e motivate ragioni, il medico competente è tenuto a comunicare per iscritto al datore di lavoro il nominativo di un sostituto con i requisiti necessari per l’incarico durante l’intervallo temporale dell’assenza. [art. 14, comma 1, lett. c) , punto 2 del D.Lgs. n. 48/2023].

Estensione misure di prevenzione nei cantieri - Nell’ottica di rafforzamento delle norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro vengono esteso a lavoratori autonomi, componenti di imprese familiari, coltivatori diretti, artigiani e piccoli commercianti, le misure per la prevenzione per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, ai fine di ridurre il rischio di infortuni [art. 14, comma 1, lett. b) del D.L. n. 48/2023]. 

Rafforzamento della programmazione ispettiva - In ottica di prevenzione, alcune disposizioni del decreto sono dedicate al rafforzamento dell’attività ispettiva. 

Fondo per studenti vittime di infortuni - Presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il decreto istituisce un Fondo con dotazione finanziaria pari a 10 milioni di euro per il 2023 e 2 milioni di euro annui per il 2024, istituito al fine di riconoscere un sostegno economico ai familiari degli studenti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, anche privati, comprese le strutture formative per i percorsi di istruzione e formazione professionale e le Università, deceduti a seguito di infortuni occorsi durante lo svolgimento di attività formative in data successiva al 1° gennaio 2018,. [art. 17, commi 1 e 2 del DL 48/2023] 

Alternanza scuola-lavoro e aggiornamento del DVR - Al fine di garantire la coerenza dell’offerta formativa con il profilo in uscita dai singoli percorsi di studio, è previsto che il Ministero dell’ Istruzione si adoperi per un monitoraggio qualitativo dei percorsi in alternanza scuola - lavoro sin dalle fasi di progettazione. Inoltre, per garantire la salute e sicurezza degli studenti, il decreto introduce l’obbligo, per le imprese iscritte nel registro nazionale per l’alternanza, di integrare il proprio documento di valutazione rischi con un’apposita sezione ove sono indicate le misure specifiche di prevenzione dei rischi e i dispositivi di protezione individuale da adottare per gli studenti. [art. 17, comma 4° del DL 48/2023].

Assicurazione INAIL estesa a studenti e personale del sistema di istruzione e formazione - Al fine di valutare l’impatto dell’estensione della tutela assicurativa agli studenti e al personale del sistema nazionale di istruzione e formazione, il decreto introduce per il solo anno scolastico e accademico 2023 – 2024 l’obbligo assicurativo INAIL per studenti e personale del sistema nazionale di istruzione e formazione, della formazione terziaria professionalizzante e della formazione superiore durante lo svolgimento delle attività di insegnamento e apprendimento. [art. 18 del DL 48/2023].

Formazione dei lavoratori e suoi rappresentanti - Viene demandato alla Conferenza Stato - Regioni il compito di individuare le modalità di monitoraggio dell’applicazione degli accordi in materia di formazione, nonché sul corretto svolgimento dell’attività formativa, sia dei soggetti che erogano la formazione che di quelli destinatari della stessa al fine di contrastare possibili condotte non conformi alla legge. [art. 14, comma 1, lett. d) del D.L. n. 48/2023]

Obbligo formativo per il datore di lavoro - Per il datore di lavoro che fa uso di attrezzature che richiedono conoscenze particolari, viene esteso l’obbligo di provvedere in autonomia alla propria formazione e addestramento specifico, al fine di garantire l’utilizzo delle attrezzature in piena sicurezza.

Il datore di lavoro che non provvede alla sua formazione può incorrere in sanzioni di natura penale che vanno da un’ammenda di importo variabile da 3.071,27 a 7.862,44 € sino alla pena dell’arresto da tre a sei mesi. [art.14, comma 1, lett. g) e lett. h) del D.L. n. 48/2023].

Verifiche periodiche - Viene estesa ai privati la titolarità della funzione di “verifica periodica successiva“ sulle attrezzature di lavoro, attribuzione esclusiva dell’INAIL e delle ASL nella previgente normativa. [art.14, comma 1, lett. e) del D.L. n. 48/2023].

Obblighi dei noleggiatori - Nuovi obblighi per noleggiatori di attrezzature e conducenti in uso vengono introdotti in merito all’acquisizione e conservazione, per tutta la durata del noleggio o della concessione, della dichiarazione auto-certificativa con cui venga attestato il corretto svolgimento della formazione e addestramento da parte del soggetto che prende a noleggio o in concessione le attrezzature. [art. 14, comma 1, lett. f del D.L. n. 48/2023].

Servizi correlati

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR , Documento di Valutazione dei Rischi  contiene i rischi e le misure preventive per...
Scopri di più

DPI - Dispositivi di Protezione Individuale

I DPI, Dispositivi di Protezione Individuale, sono tutte quelle attrezzature o...
Scopri di più

OT23 (ex OT24)

L'Inail premia con uno "sconto" denominato " oscillazione per prevenzione...
Scopri di più

Formazione Rischi specifici - Aggiornamento Lavoratori

La cultura della sicurezza in azienda è un processo di formazione continua che integra...
Scopri di più

Corsi e percorsi per lo sviluppo d'impresa

Obiettivo dei percorsi formativi di Artser è lo  sviluppo organizzativo e...
Scopri di più

Formazione per l'apprendistato professionalizzante

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Valutazione rischio chimico

La tutela dei lavoratori, in materia di rischio chimico, viene definita dal Testo Unico in...
Scopri di più

Verifica periodica dell’Impianto di Messa a Terra e denuncia all'INAIL

CIVA: il nuovo portale telematico dell’INAIL per gli impianti, attrezzature ed apparecchi...
Scopri di più

Moca – Materiali e oggetti destinati al contatto con alimenti

I Moca, Materiali o Oggetti a Contatto con gli Alimenti, sono tutti i prodotti destinati a...
Scopri di più

Verifica della posizione Inail, classi di rischio e premi

Presupposto indispensabile per la determinazione del premio assicurativo Inail è la...
Scopri di più

Gestione Rifiuti

La gestione dei rifiuti in Italia è disciplinata dalla Parte quarta del Testo Unico...
Scopri di più

Consulenza ambientale

Consulenza ambientale per le aziende - AIA, AUA, SCIA, Gestione rifiuti, Emissioni in...
Scopri di più